Statuto

art.1
Nell'Universo, (o per lo meno nel nostro sistema solare) � costituito il C.A.I.A.C., Club Alpino Italiano di Azione Cattolica, senza fini di lucro, avete scopo il condurre gli aderenti sulle pi� alte vette.


 

art.2
Può essere membro del C.A.I.A.C. colui che, amando veramente la montagna e i valori che essa trasmette (grappe varie, strudel, polenta e funghi, canti alla sera in rifugio....), sia tesserato o simpatizzi per l'Azione Cattolica e abbia liberamente superato in escursione(senza l'ausilio di qualsiasi mezzo aereo o velivolo che sfrutti la forza del vento, o mezzo meccanico, funivia a motore e non) quota metri 2200 s.l.m.


 

art.3
L'assemblea annuale dei soci è indetta nella serata dell'Incontro diocesano unitario, (ex due giorni) di AC, o comunque nelle prime settimane di autunno.


 

art.4
L'Associazione è guidata da un consiglio costituito dal presidente, vice presidente, tre consiglieri e Assistente Universale. Il consiglio rimane in carica due anni. Il consiglio viene eletto dall'intera assemblea dei tesserati. Le schede elettorali non presentano candidati poichè ogni tesserato è eleggibile. Risulta presidente colui che, salvo l'accettazione della carica, nella votazione riceve la maggioranza dei voti, a seguire il vice presidente e i tre consiglieri. Il consiglio rimane in carica due anni.I compiti del consiglio direttivo sono: organizzare le attività dell'associazione e garantire i collegamenti fra i soci nonchè amministrare la cassa. (aggiunta di sabato 25 settembre 1999) Nessun socio può essere eletto per più di due volte consecutive Presidente. In caso alla terza elezione consecutiva, risulti il più votato passa automaticamente vice-presidente.
art.5
Assistente Universale a vita è don Graziano de Nardo. In caso di eccezionale indisponibilit�, egli, per periodi brevi (brevissimi) può delegare l'assistenza spirituale e tecnica degli associati a don Silvano De Cal (Vicario Universale)

art.6
Ogni aderente al C.A.I.A.C., è tenuto annualmente a contribuire nella forma e nei modi stabiliti dal consiglio direttivo alla copertura delle spese di segreteria. (aggiunta di sabato 25 settembre 1999) Altresì si impegna ad effettuare almeno un'escursione all'anno assieme ad un altro membro del Caiac, superando quota 1500 mt. Portando prova fotografica o cartolina dal rifugio. Pena il rimorso eterno

art.7
Al presente statuto possono essere aggiunti o modificati gli articoli con la maggioranza di 1/2 1 degli aderenti, e con i 2/3 dei presenti.

art.8
(ex art.3) ( approvato sabato 26 ottobre 2002) Si indica come data fissa per l'assemblea annuale del Caiac, il sabato del cambio tra ora legale e ora solare, ovvero l'ultimo sabato del mese ottobre. Il consiglio tuttavia, per motivi logistici, può ritenere di spostare tale data, si invita quindi lo Stato italiano a fare altrettanto.